Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

ARGOMENTO: Qualcuno con cui parlare?

Re: Qualcuno con cui parlare? 21/08/2016 06:24 #16

Ehi tuuu
Vedi che non sono scappata?
Scusami, a volte mi prendo delle pause non meritate, sai, mi sento esattamente come te in questo momento, volenterosa di raccontare tante cose ma anche senza forze. Sono stata preoccupatissima per la scuola per tutta l'estate, pensavo ogni volta che "tra poco" sarebbe riiniziata e ora che veramente sta per riiniziare non so davvero che fare, dire che sono nel panico sarebbe davvero troppo poco, non so perché io provi tutta questa ansia però, tu riusciresti a dare un senso alla tua?
Bah, scrivimi presto diciassettenne waitme, e se dovessi avere un'altra delle mie pause, scrivimi tu che io potrei metterci un po'
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 21/08/2016 21:39 #17

Dare un senso alla mia ansia,bhe credo di non conoscermi cosi bene.
Le uniche cose (credo) che mi hanno portato a tutto ciò sono:
In 5 elementare un mio amico è morto davanti alla mia scuola,l'hanno picchiato cosi forte da mandarlo in come vegetativo,poi è morto...
Credo il fatto che mia madre sia depressa abbia inciso negativamente su di me visto che spesso mi scarica la colpa del suo stato attuale.
Forse il fatto di essere vittima di bullismo,forse la perdita del mio migliore amico (questo non è morto) è solo stato ricoverato per bipolarismo,forse il fatto di avere una zia cocainomane (già proprio quella zia che reputavo la migliore del mondo e che mi stava sempre vicino quando ero piccolo)ora non c'è più.
Fra poco riniziera la scuola,il periodo peggiore,quello più grigio,spero di farcela a sopportare un altro anno.
"vogliadirinascere" mi fa piacere che tu sia ancora qui ^^
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 21/08/2016 22:53 #18

Ehi
Mi dispiace per tutto quello che hai passato, penso che dovresti essere fiero di te stesso, ce ne vuole per sopportare determinate cose già dall'età di 10 anni. Mi fa piacere sapere che però non ti sei sentito solo durante questo tuo periodo, tua zia ti ha aiutato molto immagino, ho avuto anch'io una figura del genere nella mia vita, posso capire che cosa provi.

Mi dispiace soprattutto per tua madre, come mai incolpa te? E in quali situazioni lo fa? Tu come reagisci? Che cosa pensi di queste sue "accuse" e davvero crederesti che lei sia lucida nei momenti in cui te lo dice? Che rapporto hai in generale con lei?

Sai che prima di questo tuo messaggio ero davvero così tanto ingenua da credere che alle superiori non esistesse il bullismo, bah, io l'ho sempre detto che vivo in un mondo tutto mio. Di che tipo di bullismo soffri? Quando è iniziato? C'entra qualcosa con quello delle elementari?

Nonostante il bullismo e tutto il resto penso che quest'anno possa essere diverso, volendo potresti cambiare un paio di cose, rendere il periodo scolastico un po meno grigio. Già siamo avanti, non è nero.
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 24/08/2016 22:14 #19

Non volevo spaventarti o qualsiasi altra cosa, ti ho fatto molto domande lo so, sinceramente non saprei dirti neanche se mi interessano le risposte o no, quelle domande le ho fatte per te, per farti riflettere, non mi devi rispondere per forza, sarei contenta se rispondessi anche solo a te stesso e se proprio non vuoi ignora! Non mi offendo mica eh
Comunque se ti metto a disagio, non ti piace la mia compagnia o altro me lo puoi tranquillamente dire
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 25/08/2016 19:00 #20

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Grazie Vogliadirinascere per il tuo aiuto. Hai fatto proprio le stesse domande che avremmo fatto noi . E' molto bello vedere la solidarietà tra voi ragazzi, è un antidoto per il bullismo.

Caro Waitme,
A volte siamo preda di bulli perchè siamo noi i primi a non darci valore, e come se fossimo incapaci di difenderci e ci lasciamo sopraffare dai prepotenti, sono solo in realtà i veri deboli perchè hanno bisogno di manifestare in pubblico una loro falsa forza... sono loro gli insicuri.
Caro Waitme, tu invece hai dimostrato una grande forza ad affrontare tutto quello che ci hai raccontato.

Dici di non conoscerti cosi bene, allora possiamo iniziare ora, iniziamo con ciò che pensi siano i tuoi valori, le tue passioni, i tuoi punti di forza.

Ciao Wiaitme ... e dai non farti aspettare noi siamo qui per te
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 26/09/2016 11:33 #21

è passato un po dall'ultima volta che ho scritto,mi dispiace.
Comunque non ce la faccio veramente più,oggi un mio compagno mi ha versato praticamente un secchio d'acqua sporca addosso,ma va bene...
La cosa positiva è che di segni sulle braccia non ne ho più,anche se ieri sera l'istinto di prendere un coltello e riprovare era molto forte comunque..
Mi fa piacere ricevere tutte questi messaggi di sostegno,grazie mille.
Penso questo sia il mio ultimo messaggio sul forum,è inutile parlare...
Grazie comunque a tutti quelli che mi hanno ascoltato
"vogliadirinascere"mi fa piacere che tu non sia sparita ^^
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 27/09/2016 20:39 #22

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Caro Waitme

Pensi davvero che vada bene che qualcuno ti tratti così? È davvero un dispiacere sapere che questa tua sofferenza continua inesorabile, senza riuscire a fermarsi. A volte ci domandiamo perché certe cose debbano capitare proprio a noi, e meno questa domanda trova una risposta, più iniziamo a pensare che forse tutto questo è colpa nostra. Che forse ce lo meritiamo.
No. Non lo meriti. E non è colpa tua.
Purtroppo il bullismo è una serpe difficile da eradicare, perché la sua origine sono gli altri, e non tu. Ma questo non significa che tu non ne possa uscire. Questo, certamente, non significa che non c'è nulla da fare. La grande sfortuna, però, è che non sta tutto nelle tue mani e nella tua forza. Questi problemi vanno affrontati su ampia scala, coinvolgendo tutta la classe, se non addirittura la scuola intera. C'è bisogno di qualcuno che possa comprendere la tua sofferenza e aiutarti a porvi fine.. e questo qualcuno deve avere delle capacità di controllo sul tuo ambiente.
E credici, è davvero doloroso dirti queste parole. È doloroso comunicarti che dovunque tu voglia muoverti dovrai avere a che fare con scelte difficili e stremanti..
Ma sarebbe ancora più doloroso sapere che questa persecuzione nei tuoi confronti non sia portata al suo termine.

Non ti costringeremo a restare in questo forum.. ma ti chiediamo dal profondo del cuore di non arrenderti. Il tuo stato di vittima non è in nessun modo giustificato, così come tutte queste ingiustizie. Non fare in modo che tutto questo diventi una croce a cui sei destinato, perché non è così.

Speriamo davvero che tu riesca a continuare a combattere. E siamo felici che tu non ti sia fatto del male da solo. Non lasciare che quello che vali per chi ti vuole male diventi quello che vali tu per te stesso. È bello che tu stia combattendo per non mancarti di rispetto. Si parte da queste piccole cose

A presto, carissimo Waitme
Ti mandiamo un sorriso e ti siamo vicini
Cerca di prenderti cura di te stesso. Sappiamo che queste sono parole facili a dirsi.. ma davvero, la via è questa. Volersi bene e proteggersi.
Speriamo di averti trasmesso tutto il calore che intendevamo mandarti!
Un abbraccio

Combatti
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 28/09/2016 08:05 #23

Ciao Waitme, sono felice che tu non abbia più segni sulle braccia e che riesca, in quel che modo, a resistere a queste tentazioni.
Comunque io sono sempre qui, e ti aspetto, sappilo.
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 29/09/2016 20:45 #24

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Waitme e ciao anche a coloro che ti hanno risposto, in particolare Vogliadirinascere che ti ha proprio preso a cuore ed è molto bella questa solidarietà tra di voi!

Non c'è come chi ha passato o sta passando più o meno la stessa nostra esperienza che può darci accoglienza, sollievo, conforto e farci sentire compresi! E come ti sei sentito con tutti i messaggi degli altri ragazzi iscritti al forum? Hai detto che ti è venuto da piangere perché non te l'aspettavi, vero? E' molto bello sentire che c'è chi ci è simile e c'è ancora chi sa essere generoso e comprensivo, ci ridà fiducia nella vita e negli altri.

Caro Waitme, possiamo suggerirti di far tesoro di questa bella doccia di affetto? E' dall'esperienza dell'amore che si impara ad amare ed amando si attira di nuovo amore, come un circolo virtuoso! E tu hai fatto un passo meraviglioso: accettare questo vagone di affetto che ti viene dato! Non è poco sai? Saperlo accettare è il primo passo per accettare la bellezza e positività nella vita, per dire a noi stessi che lo meritiamo e per darci per primi tutto ciò che vorremmo ricevere dagli altri.
Tutti vogliamo attenzione, mica solo tu o chi scrive qui! Anzi, oggi più che mai vogliamo essere ammirati, ascoltati, apprezzati, ma siamo sempre meno capaci di ammirare, ascoltare, apprezzare! Immaginate cosa succede quando per un attimo sperimentiamo anche solo un grammo di attenzione e amore dagli altri e ne proviamo riconoscenza?
Provate a rileggere i vostri scambi, notate il tono delle parole di chi ha offerto sostegno e di chi ha detto grazie, il tono di chi chiede umilmente e coraggiosamente aiuto e invece, se vi è capitato, di chi pretende attenzione, ma non fa nulla per uscire dal suo stato...
Certamente non vi stiamo dicendo che sia facile modificare questa sorta di abitudine e subordinazione alla sofferenza, all'umiliazione, alla tristezza. E' difficile e a volte occorre chiedere aiuto seriamente per riuscire a modificare in bene le percezioni che abbiamo registrato nella nostra psiche, soprattutto da piccoli. Però...abbiamo quasi lanciato un "gioco", una caccia al tesoro delle relazioni e degli atteggiamenti "che fanno star bene"...vediamo chi ne trova di più?
Un abbraccio forte, Waitme e a presto!
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 06/11/2016 21:51 #25

Rieccomi qui,è passato un pò di tempo da quando ho aperto questo topic "07/08/2016" son passati 3 mesi 0.o
Non è cambiato poi molto in questi mesi,i segni sulle braccia sono oramai scomparsi anche se ogni tanto la voglia di tagliarsi rimane.
Provo un pò di nostalgia nel vedere il post di 3 mesi fa e un pò di amarezza nel vedere che in questi 3 mesi non è cambiato praticamente nulla.
Leggendo il titolo del post capisco che oggi come allora sono solo:"Qualcuno con cui parlare?" ho scelto proprio un titolo buffo,sapete non sono una persona che parla molto,cioè in genere non parlo proprio quindi leggere questo titolo mi fa un po ridere.
Ho scritto tutto questo perchè volevo ringraziare i moderatori,tutti quelli che hanno scritto nel post e sopratutto "voglia di rinascere" volevo solo dirvi che non mi sono scordato di voi e di tutte le belle parole che mi avete rivolto.
Oggi come allora sto male o almeno credo di stare male,pero dopo un po uno ci fa l'abitudine e tutto sembra un po meno scuro.
Forse questo è veramente il mio ultimo messaggio o forse no,comunque grazie per esserci stari,veramente grazie...
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 09/11/2016 21:31 #26

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Waitme,


ci fa piacere comunque leggerti... dici che non è cambiato nulla? sei proprio sicuro?
Cosa ti fa più male ora rispetto a tre mesi fa? E cosa invece è migliorato, anche di poco?

Sentiamo un tono quasi di resa.... a cosa ti stai arrendendo? All'abitudine di stare male? Non crediamo uno faccia l'abitudine alla sofferenza... perchè la sofferenza è sempre diversa... E' una frase un po' estrapolata da Tolstoj quando parla dell'infelicità nelle famiglie: "Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo"....
Nella tristezza c'è la possibilità di far emergere la nostra personalità e di poterla elevare ... E' l'ombra che crea le forme, se ci fosse solo una luce splendente alta e accecante tutto sarebbe bidimensionale e senza profondità...

Carissimo noi ti aspettiamo!!! Quando voi noi ci siamo

Un abbraccione
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 14/11/2016 03:47 #27

Ciao Waitmee

Non mi ero accorta avessi risposto, mi fa piacere che tu sia tornato.
Come stai?

Comunque anch'io, come i volontari, penso che sia cambiato qualcosa in questi tre mesi, ma sta a te capire che cosa.

Spero quello non fosse il tuo ultimo post, ti aspetto
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 16/11/2016 21:40 #28

Non credo sia cambiato poi molto,oggi come 3 mesi fa mi ritrovo da solo.
Ti faccio un esempio:"Quando suona la ricreazione,tutti hanno delle persone da raggiungere da salutare,ecco io no" quando usciamo da scuola tutti sono felici perche "ehi è finita la giornata scolastica,ma io no perchè so che a casa è solo peggio".
Mia madre è perennemente depressa e cerca di nasconderlo,mio padre sparisce per ore dicendo che va a a comprare il latte alle 7/8 di sera.
Non mi sembra sia cambiato poi molto,solo che oramai mi sono abituato al grigiume in cui navigo da un po di tempo oramai.
Oggi un mio compagno di classe a scuola mi ha detto che sembro una persona triste,mi chiedo se sia vero che la tristezza si noti dagli occhi,o da qualche atteggiamento particolare,comunque mi ha colpito il fatto che lui mi abbia detto questa cosa.
Ps:mi ha fatto molto piacere vedere che ancora ci sei "voglia di rinascere"
Come sempre non so se ci saranno altri post dopo questo.
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 17/11/2016 01:57 #29

Ehii

Mi dispiace che tu sia solo. Non so dirti tra la mia e la tua situazione quale sia peggiore. Io non sono sola, però mi sento sola. Mi sento sola adesso così come tre mesi fa.
Solo che tre mesi fa avevo rotto con tutte le mie amiche, quindi una "giustificazione" al sentirmi sola la avevo, adesso che tutti i giorni a tutte le ore o mi vedo con qualcuno o sto al telefono, non dovrei più sentirmi sola, giusto? Invece no, continuo a sentirmi sola, ora più di prima perché gli "amici" li ho, è che non sono capace di instaurare un rapporto più profondo, o meglio, riesco ma non ho l'impegno di mantenerlo. Capisci? Che disagio la mia vita, davvero.

Quanto ai genitori, siamo sulla stessa barca, solo che io mio papà non lo vedo mai perché lavora sempre (e se lo vedo non dialoghiamo molto) invece mia mamma è sempre arrabbiata con me e mia sorella, ogni volta che mi ha davanti mi urla adosso dicendomi di tutto e di più, è per questo infatti che ultimamente trascuro molto la scuola e ogni volta che posso esco di casa e torno il più tardi possibile.

Posso capire come ti sarai sentito quando il tuo compagno di classe ti ha detto quella cosa, a me capita spesso, è una brutta sensazione. Alla fine la gente lo pensa e te lo dice, così, tanto per. Ma se tu, persona a cui è stato detto di sembrare triste, fossi davvero triste? Ci pensano mai? Io ho due "teorie" o la gente vuole "smuoverti" dicendotelo oppure non gli interessa, gli viene in mente e per loro è un pensiero come un altro. Bah. Penso la cosa migliore sia non dargli peso, non ti conoscono per davvero, lo saprai tu come sei, nessuno può dirti come sembri o no, a meno che tu non lo chieda espressamente.
Forse sì, c'è un atteggiamento o un qualcosa negli occhi "caratteristico" delle persone tristi, ma anche se fosse?

Nel dubbio noi ti aspettiamo, tu fai come ti senti

Comunque scusami per i discorsoni ahahah non so neanch'io che cosa ho scritto, sono logorroica in generale, immagina adesso che non riesco a dormire e non sono molto lucida. Sembro una psicopatica, non credi? Ahahahah. In pratica ti ho raccontato tutto della mia vita, ti dico anche che mi sento brutta e che ho fame e abbiamo finito.
Ultima modifica: Da .

Re: Qualcuno con cui parlare? 17/11/2016 23:10 #30

Sappi che con questo messaggio mi hai strappato un sorriso,era da molto che non sorridevo.
Mi dispiace per la tua situazione veramente...
Probabilmente siamo degli estranei e pero sappi che mi dispiace davvero,diciamo che per quanto possa sembrare strano non ti reputo un estranea ma un amica.
Per quanto riguarda la mia situazione,spero che le cose andranno meglio,anche se gia so che non andranno meglio.
i miei compagni di classe aprono la bocca e parlano dicono le prime cose che pensano,comunque un po mi ha sconvolto quella sua affermazione.
Ti va di raccontare un po di te,ho monopolizzato la conversazione in questa chat,quindi scusa ^^
Ps:non sei psicopatica,spero la fame ti sia passata.
Ultima modifica: Da .
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.