Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1

ARGOMENTO: Nullità e mediocre

Nullità e mediocre 24/10/2017 19:29 #1

Ciao a tutti,
Volevo condividere con qualcuno la mia situazione, che mi sta rendendo esausta, poiché oltre a tutto quello che occupa la mia giornata, tra sport e scuola devo sopportare anche l'oppressione dei miei sentimenti. Cerco di cominciare con calma, anche se penso che probabilmente dopo mi verrà in mente altro da aggiungere.
Quindi, vado in seconda liceo scientifico, uno tra i migliori di Milano, quindi anche uno tra i più difficili. Ecco il mio primo problema, sto vivendo questo periodo in modo a dir poco tragico, l'anno scorso le prime insufficienze hanno abbassato un sacco la mia autostima, anche se alla fine sono riuscita a finire l'anno con una media superiore all'8. Mi sono sentita felicissima e sollevata dopo quel primo anno da incubo, fatto di ansia e autostima sotterrata, ma quest'anno è ricominciato tutto, e pure con due belle insufficienze in matematica e fisica, e anche il latino non contribuisce a farmi sentire meglio, dato che lo trovo terribilmente ostico, sono già attanagliata dall'ansia della versione fatta oggi in classe, a cui si aggiunge l'ansia di come farò a continuare a studiarlo se ho molte difficoltà ora, e ciò mi fa sentire una nullità, anche per i confronti che faccio compagni più bravi. Sono però grata e felice per i miei genitori, che non vogliono che i miei risultati scolastici mi influenzino a tal punto: ho già parlato con loro, ma la mia ansia rimane e a lungo andare ho paura che si stanchino delle mie lagne, quindi ho evitato di parlargliene ancora. A volte vorrei solamente rimanere accoccolata in mezzo a loro sul divano a guardare la tv per sempre. Un altro pensiero è quello che sarebbe molto più semplice farla finita, poter finalmente riposare, ma l'unica cosa che mi tiene attaccata alla vita sono i miei genitori, difatti l'anno scorso quando ho litigato con mio padre mi sono sentita persa, e l'unica via d'uscita sembrava quella di farla finita, poiché anche l'ultima certezza era sparita, e il fatto di averlo deluso mi causava una grande ansia e disperazione, mentre non c'è alcun amico abbastanza importante per cui restare, anche quella che considero la mia migliore amica. Non riesco a creare un rapporto tale con una persona da volerci stare ogni secondo della mia vita, sono abbastanza indifferente alle persone che conosco, anche con quelle che mi hanno aiutata, anche se con loro mi diverto o mi sento bene, riesco a farne facilmente a meno, rifiuto senza rimorso la maggior parte degli inviti a casa o alle feste, e partecipo a quelle sufficienti per non essere definita asociale e noiosa.
Mi sento mediocre a scuola, ed ho paura della mediocrità, fin da piccola mi hanno fatta sentire migliore della maggior parte delle persone, dalle elementari alle medie osannavano la mia intelligenza e la mia maturità, quindi sono entrata al liceo a testa alta, ma ciò che mi sono trovata davanti è stato un muro di mattoni fatto di persone più intelligenti e brave di me e di professori senza pietà. Vorrei diventare un punto di riferimento, un esempio per gli altri, non capisco in quali altri modi una vita potrebbe essere completa, ma gli unici modi che conosco per far ciò sono la scuola, in cui ormai non ripongo più speranze, e lo sport, in cui sono brava ma non abbastanza. Ecco un altro problema, sono brava, ho molte cose per cui sono portata, posso passare dal disegno, al cucito, al ricamo, allo sport... ma non sono brava abbastanza, quindi rimango mediocre seppure in una certa versatilità di cui non vedo utilità. Questa mia paura della mediocrità è data proprio dal fatto che tutti mi hanno osannata e si aspettavano che sarei andata avanti brillantemente, ma non è ciò che sta succedendo.
Finisco qua perché la sto tirando per le lunghe, ma ci sarebbero tantissime cose di cui vorrei parlare, e nemmeno io riesco a creare uno schema logico e completo.
Grazie a chiunque leggerà le mie lagne
Ultima modifica: Da .

Re: Nullità e mediocre 03/11/2017 21:19 #2

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Carissima,
benvenuta nel forurm e soprattutto alle tue lagne ... Siamo onorati di leggerle, perchè per noi è un privilegio il fatto che tu voglia condividere pensieri così intimi con noi...

Ci spiace molto per il perido che stai vivendo, ti senti mediocre, brava ma non abbastanza, intelligente ma non abbastanza... Cara A.P.Go sei un essere Unico e Irripetibile, solo per questo sei meravigliosa! Quando i tuoi genitori ti guardano, guardono questa unicità non i voti a scuola, pensi che gli insegnati, le valutazioni possono essere un metro reale del Valore della persona, del tuo valore come essere umano? Stai crescendeo, ed avere alti e bassi è la vita, senza l'alternanze di due polarità non si sarebbe la corrente, i moti delle maree creano energia, le onde creano energia di movimento... e così anche il nostro animo segue le stesse leggi della natura, della fisica ... il fatto di prendere un brutto voto proprio in fisica non significa che tu non faccia parte di tutto questo universo e come tale tu hai un Valore estremo.

L'amore che i tuoi genitori provano per te non è amore dei risultati. TU non vorresti bene ai tuoi genitori anche se prendessero un brutto voto in un esame? Non sarebbero sembre i tuoi genitori? Dobbiamo essere sempre perfetti per essere amati? E poi questa perfezione cosa vuol dire? Dopo tutto siamo giudicati da altri essere umani altrettatto imperfetti ... Quindi che valore assoluto hanno tutti sti voti e giudizi? Mostrano solo una parzialità ... sono un punto di vista, e anche molto discutibile ...Che Valori hai? Quali sono i tuoi desideri più belli?

Ci sono tante cose che dici di voler raccontare... siamo tutto orecchie e occhi per leggere...

Dici di essere indifferente alle persone anche quelle che ti hanno aiutata, vuoi spiegarci meglio? Chi e quando ti hanno aitata? Cosa intendi per indifferente?

Parli di una vita completa, cosa intendi?

Siamo qui ad aspettare le tue parole ... a braccia aperte
Ultima modifica: Da .
  • Pagina
  • 1
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.