Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1

ARGOMENTO: Sono in crisi

Sono in crisi 05/12/2017 00:33 #1

Ciao a tutti, sono Lorenzo e mi trovo in una profonda crisi con me stesso... Scrivo in questa sezione perché le sto passando un po' tutte.
Ho sempre lottato per essere in pace con me stesso e bene o male, a parte qualche piccola eccezione, sono sempre stato in grado di rimanere sull'orlo del precipizio. Tutto questo fino a qualche mese fa, quando l'ombra che mi ha accompagnato fino ai miei 18 anni mi ha divorato. Vivo con il terrore di non riuscire a vivere felice, ho la paura di vivere una vita normale, sono spaventato dalla normalità, dalle routines; ho paura di dovermi svegliare ogni giorno sapendo di dover andare a lavoro fino alla sera, tornare a casa, mangiare, andare a dormire e ricominciare. Come già detto ho 18 anni, mi trovo in quinta superiore, ecco che arrivano i problemi... Non ho più la forza di studiare, non ho il coraggio di mettermi davanti ai libri, pensare già che 6 ore al giorno della mia vita vadano sprecate a scuola per un futuro normale crea in me un vuoto immenso impedendomi di studiare e di conseguenza impedendomi di prendere voti superiori al 4. Il secondo problema che ho è la rabbia, non so controllare me stesso quando spesso vengo assalito dalla rabbia (non contro le persone, ma contro gli oggetti). Ho ridotto in pezzi di tutto per rabbia, tutto questo seguito da un annegare nei sensi di colpa per ciò che ho fatto. Ho qualche buon amico ma non ho mai avuto il coraggio di parlare a qualcuno di quello che ho dentro, mi sento particolarmente solo senza essere solo, ho una manciata di buoni amici ma non ho nessuno di realmente vicino, ho un solo amico veramente stretto e continuo a non aver voglia di raccontare i miei problemi a lui perché credo di aver paura di essere giudicato, forse perché in passato sono stato spesso giudicato per il mio aspetto fisico, ma infondo scemo io che non vado un po' a correre o in palestra, sarò pur in carne, ma se non faccio qualcosa per rimediare sono anche fattacci miei. Di ragazze non parlo, ho una vita davanti per trovare "quella giusta" e preferisco non dare peso a qualche ragazzina che preferisce un ragazzo esteticamente più carino. Ho un sogno, ma la paura di non portare a termine il mio obbiettivo mi rende triste. Infine mi sento in colpa, ho dei genitori presenti e comprensivi, forse troppo, anche se ho paura di parlare delle mie crisi. Per riassumere potrei dire che sono perso.
Ultima modifica: Da .

Re: Sono in crisi 06/12/2017 16:18 #2

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Lorenzo e benvenuto sul Forum del Sorriso

Se capiamo bene la tua situazione, da qualche mese, avvicinandoti ai 18 anni, hai cominciato ad avere orrore della routine "adulta" che vedi intorno a te, ti sei immaginato infelice in quella vita e hai cominciato a perdere il senso anche della scuola, che se deve solo prepararti all'infelicità a vita, a che serve impegnarsi?
In questa tua mega frustrazione, emergono incontrollati scoppi di rabbia, che per fortuna si rivolgono contro ad oggetti, ma che poi comunque ti lasciano ancora più frustrato dai sensi di colpa.
Avresti buoni amici e genitori disponibili al dialogo, ma non riesci ad affrontare faccia a faccia la tua situazione con nessuno. Tutto questo tu lo chiami "sentirsi perso".
E' corretto?

Se si, vorremmo farti riflettere sul fatto che è normalissimo che i giovani trovino i modelli proposti dagli adulti per nulla entusiasmanti e non adatti a loro! (fino agli anni 90 era quasi obbligatorio contestare i "matusa")

Ma essere giovani è bellissimo perchè permette di sognare e realizzare un destino proprio, che piaccia di più: chi ha detto che tu debba per forza seguire i modelli routinari ed essere infelice a vita?

E qui scatterebbe il domandone "e quindi, cosa vorresti fare da grande?", perchè se quello che NON vuoi fare è chiarissimo, non dici quello che vorresti fare, potendolo scegliere.

Hai mai riflettuto che ci sono mille e mille professioni meravigliose che si svolgono assolutamente lontane dalla routine? E con le quali è facilissimo "girare il mondo" e non annoiarsi mai? Oppure lavorare una stagione si e una no, o a periodi, alternando lavoro e non lavoro?
Facciamo una carrellata non esaustiva, solo per stimolarti: archeologo, oceanografo, divulgatore scientifico, scenografo, diplomatico, attore, musicista, astronauta, pilota, steward, skipper, sub professionista, giardiniere, animatore di villaggio vacanze, veterinario, chef, detective, istruttore di nuoto, addetto/gestore di un chingalito a Formentera o ai Caraibi... perchè ti vedi costretto ad una vita routinaria? non riesci a intravedere qualche futuro possibile, che ti susciti curiosità o interesse o addirittura entusiasmo? che immaginandolo ti possa dare un senso di contentezza e di pienezza di vita?

Prima di passare oltre ci piacerebbe sapere che ne pensi di queste nostre parole.
Un grande sorriso
Ultima modifica: 06/12/2017 17:03 Da Volontario del Sorriso
  • Pagina
  • 1
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.