Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1

ARGOMENTO: Un nuovo arrivo che spera in un futuro nuovo sorriso, mi presento:

Un nuovo arrivo che spera in un futuro nuovo sorriso, mi presento: 23/08/2017 23:47 #1

Ciao a tutti. Cercheró di parlare nel modo più aperto e sincero possibile.. innanzitutto spero stiate passando una bella giornata. Iniziando con la presentazione direi che sono una ragazza di 19 anni. Sto studiando all'università, anche se ora voglio cambiare corso, spero di scegliere quello giusto questa volta. Sinceramente parlando è la prima volta che scrivo in un forum. Ad ogni modo magari in questo momento starete pensando "bando alle ciance e dicci perchè sei qui". Allora, di problemi in passato ne ho avuti diversi, insomma molte cose hanno condizionato la mia vita. Per esempio sono cresciuta in una famiglia i cui genitori (ormai separati da tempo) praticano due religioni diverse. Magari alcune persone potrebbero pensare "wow, quanta cultura", ed è vero, ma vi assicuro che è tanto difficile accontentare tutti.. e quando ho deciso di smettere di farlo mi sono ritrovata un padre che tutt'ora non accetta le mie scelte. Insomma, non è bello.. ma non è nemmeno tragico come molte delle storie che si leggono in questo forum. Diciamo che non so se sono "degna" di scrivere qua dentro.. i miei problemi spesso mi sembrano nulla a confronto di quelli altrui ma fanno lo stesso così male.. forse sono semplicemente debole. Ad ogni modo il problema maggiore che mi sta colpendo attualmente è il fatto che sono appena uscita da una relazione, per l'esattezza la mia prima relazione, per l'esattezza la relazione che pensavo sarebbe durata tutta la mia vita. Non che questa relazione sia durata chissà quanto, sono consapevole che ne esistano tante più lunghe. Siamo arrivati a un anno e quasi 9 mesi. Sin da piccola mi era stato detto di non permettere a nessuno di toccarmi e di non toccare nessuno.. in particolar modo il genere maschile.. e finalmente ero riuscita a superare questa cosa, o quasi. Dopo tanti litigi e tante sofferenze ero riuscita a farmi valere. A combattere contro mio padre per amore di un'altra persona. Una persona che.. niente.. mi ha abbandonata. Probabilmente è da più di un anno che mi ha abbandonato ma io non volevo vederlo. E nel mentre era geloso del mio migliore amico a cui ho detto addio in un modo orribile per assecondarlo, per amore. E per questo mi sento una persona orribile, egoista, che non merita nulla.. cercavo di fare la cosa giusta e ho sbagliato tutto. Per l'esattezza la relazione di cui parlo era a distanza.. tutto quello che sapevo sulle relazioni lo avevo imparato dai film. Cosa mi aspettavo? Interesse, una chiamata al giorno.. almeno due a settimana.. non le ho mai ricevute.. Ero triste e quando cercavo di parlargli e risolvere con lui i problemi si arrabbiava e mi faceva notare quanto io non fossi interessata a lui.. mi sono sentita sbagliata. Forse lo ero, forse lo sono. Quando ci vedevamo tutto cambiava e lui stava con me felice, forse a volte anche troppo appiccicoso.. ma non era una relazione sana. Eravamo sempre in casa. Alla fine è venuto fuori dopo che lui non era felice con me, che mentiva, che tutto quel che era importante per me era una bugia. Mi sono sentita usata, distrutta. Mi sento così tutt'ora. Problemi comuni, non così gravi giusto? Non lo so.. io al momento non sto riuscendo ad andare avanti.. non avevo nessuno con cui parlarne senza paura, quindi eccomi qui. Magari non è il fatto che sia successo tutto questo il problema, ma gli effetti che ha portato sulla mia persona. Non riesco più a fidarmi, ho davvero paura a parlare con gli altri. L'unico pensiero che ho in testa è che tutte le persone sono orribili, compresa me.. scusatemi, non volevo offendervi.. parlare con qualcuno che non conosci è sempre più facile ma si che mi rende lo stesso più vulnerabile. Ho deciso di provare, qui. Si aspetta sempre nel profondo quella persona che ti farà cambiare idea no? Nel mentre continueró a vivere nel sonno, nei miei sogni.. mi auguro di aver rispettato le regole del forum.. buona giornata a tutti.
Ultima modifica: Da .

Re: Un nuovo arrivo che spera in un futuro nuovo sorriso, mi presento: 28/08/2017 18:33 #2

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Rosy e benvenuta al Sorriso,
ci fa piacere che tu abbia voluto condividere con noi i tuoi pensieri più profondi.
Come prima cosa volevamo dirti che sei davvero una ragazza sensibile e profonda,stai vivendo un momento un po' particolare ma ti sai analizzare con attenzione per cercare di superarlo.
Ti assicuriamo che non è una cosa così comune

Ti andrebbe di spiegarci meglio cosa è successo esattamente con il tuo ragazzo.
Perchè ti sei sentita usata ?
Che cosa ti ha ferito di più nel suo comportamento ?
Per creare un rapporto d'amore o d'amicizia ci vuole tempo, pazienza e anche un pizzico di fortuna, e non sempre le cose vanno noi vorremmo, ma questo non ti deve far perdere la speranza.
Ogni storia che viviamo,anche se dolorosa, ci fa crescere e ci deve servire per vivere più consapevolmente il rapporto con gli altri.
Ti assicuriamo che esistono tante belle persone al mondo, devi solo cercare di aprire il tuo cuore e provare a lasciarti andare. Cosa ne dici ?

Ci ha molto colpito questo frase
"Sin da piccola mi era stato detto di non permettere a nessuno di toccarmi e di non toccare nessuno.. in particolar modo il genere maschile"
Noi crediamo che quando troviamo la persona giusta e quando esiste un rapporto speciale tutto questo sia solo una cosa naturale, da vivere senza ansie e paure.
Cosa ne pensi ?

Ti aspettiamo e ti mandiamo un abbraccio
Ultima modifica: Da .

Re: Un nuovo arrivo che spera in un futuro nuovo sorriso, mi presento: 12/09/2017 19:21 #3

Vi ringrazio tanto per la risposta, mi ha fatto molto piacere leggerla.
Cercheró di rispondere una domanda alla volta.

Mi sono sentita usata perché dopo aver buttato e ucciso il mio orgoglio, dopo avergli chiesto scusa per cose di cui ora non mi scuserei e dopo essere stata "perdonata", ha deciso di stare con me una settimana (sono rimasta io a casa sua), settimana in cui insomma, le persone stanno vicino, fanno cose. E stavamo per fare una cosa in particolare, una cosa che non avevo mai fatto, una cosa la cui importanza per me era stata palesata più volte ai suoi occhi e alle sue orecchie. L'amore. Saró ingenua, ma mi sono fidata, fortunatamente non abbastanza per andare fino in fondo, non me lo sarei mai perdonato dopo ció che è successo. In questa settimana lui si è mostrato felice, allegro. Lo ha anche detto. Andata via e tornata a casa mia ha molto velocemente smesso di mostrare interesse nei miei confronti. Per poi annunciarmi pochi giorno dopo che era tutto finto. Che aveva mentito, che non era felice, che quando sono andata da lui non aveva avuto il coraggio di lasciarmi. Che voleva che ci separassimo. Non l'ho più sentito da allora. È passato un mese e mezzo. In pratica prima che io andassi da lui, mi scrisse che era finita. Stavamo litigando, e non voleva che io gli scrivessi, non voleva parlare con me, non rispondeva al telefono. L'unico modo che avevo per parlargli era quello di andare da lui. 350km. Comportamento molto maturo vero? E arrivata lì.. beh, per non perdere la persona che si ama si fa di tutto. Nonostante quella persona non ti cerchi mai, nonostante si arrabbi se le chiedi una telefonata al giorno, nonostante l'unico interesse che mostra nei tuoi confronti appare solo quando qualcosa che fai non va bene. E come appare? Con la rabbia, e insulti. E quasi mi ci ero affezionata perchè almeno mi dedicava del maledetto tempo. Cosa provo? Rabbia verso me stessa. A me non manca lui, ma l'idea che la mia testa aveva generato di quella persona. Me ne rendo conto, ma fa male lo stesso. A volte sono costretta a rileggere una cosa che scrissi come sfogo riguardo tale persone per ricordarmi quanto mi abbia fatto male e quanto io debba stargli alla larga.. a volte non scrivwrgli è difficile perchè era l'unica pwrsona con cui parlavo. Il mio unico vero amico. Ora mi sento completamente sola. Sono circondata da persone che mi vogliono bene e a cui voglio bene eppure sono invisibili al mio cuore. Non so bene come spiegarmi, vabbè.
Altri particolari.. diciamo che è nata male ed è finita male. Il suo non amarmi più nel modo convenzionale con cui si definisce la parola amore si era palesato da tempo, ma io ho insistito, ho dato tutto per lui scordandomi chi fossi. Col tempo il non ricevere un ricambio da parte sua il mio interesse nei suoi confronti è sceso, stavo spesso male e l'unica cosa che risuciva a dirmi era "mi dispiace". Non si interessava davvero a me.. oppure non era capace. Col tempo ho iniziato a sentirmi non adeguata, come se il mio modo di amare fosse sbagliato, troppo assillante, parlavo troppo, chiedevo troppo e non davo nulla a detta sua. Diceva che non mi interessavo alle sue cose. Forse era vero, ma quando anche la persona con cui stai non si interessa a te è imporbabile che l'interesse nei suoi confronti continui per molto.. ero semplicemente stanca. Finita questa relazione mi sono resa conto di essere vuota, e anche piuttosto inuitile. Oltre al fatto di essere cambiata, mi sono accorta che il mio cuore non ce la fa più. È stanco, vuole stare da solo. Non riesce a fidarsi degli altri, non riesce e non vuole. Perchè sa che se lo facesse, soffrirebbe. Io tornerei a non essere più me stessa. Non voglio che succeda. Voglio dedicarmi solo a me stessa, nonvoglio più dare la mia vita agli altri.

Per quanto riguarda il rapporto corporale sono d'accordo con voi. O almeno lo ero. Adesso non ne sono più così sicura.. diciamo che ho la speranza che sia vero ma so anche che le speranze ti uccidono lentamente. Quindi sto cercando di eliminare tale speranza. Poi si sa, parlo così, ma sono consapevole del fatto che io stia aspettando un principe smeraldo (si, preferisco il verde all'azzurro). Peccato che ora io non sia pronta ad accoglierlo. Ho notato che parlando con persone sul telefono dopo pochi giorni mi passi la voglia di parlargli, anzi mi venga ansia. Quindi ecco, non sono proprio pronta. Attendere che il tempo faccia il proprio corso? Forse. Intanto mi dedicheró a me stessa e alla mia formazione.
Ho intenzione di leggere un libro per migliorare la mia situazione: "il porcospino di schopenhauer". Vedremo se mi prenderà.

Scusate se mi sono dilungata tanto, grazie ancora e buona serata
Ultima modifica: Da .

Re: Un nuovo arrivo che spera in un futuro nuovo sorriso, mi presento: 18/09/2017 18:35 #4

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Rosy, scusaci del ritardo nella risposta ma abbiamo avuto un piccolo problema tecnico.
Crediamo che sia giusto lottare per le cose a cui teniamo come hai fatto tu, in questo modo non avremo rimpianti.
D'altra parte però dobbiamo anche renderci conto che a un certo punto tutto diventa inutile e che forse è arrivato il momento di farci da parte.
Sappiamo che è doloroso, che ci fa arrabbiare, ma dobbiamo cercare di farci forza e superare questi momenti.
Ci piacerebbe provassi a rileggere questa frase che ci hai scritto :
" Sono circondata da persone che mi vogliono bene e a cui voglio bene eppure sono invisibili al mio cuore. Non so bene come spiegarmi, vabbè."
Che cosa intendi per invisibili al tuo cuore ?
Non credi che cercando invece di accoglierle potresti scoprire che non sono poi così trasparenti per te ?

ottima idea quella di dedicare del tempo a te stessa, quando hai finito di leggere il libro hai voglia di raccontarci cosa ne pensi ?

Ti aspettiamo e ti mandiamo un abbraccio
Ultima modifica: Da .
  • Pagina
  • 1
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.